E questo lo chiamate giornalismo?

Mi ha appena scritto mia mamma, preoccupatissima per i rischi di contaminazione radioattiva a seguito dell’incidente alla centrale nucleare di Fukushima, in Giappone, avvenuto l’11 marzo. Tra l’altro oggi sono a Shanghai, che è a poche migliaia di chilometri dal Giappone.
Due giorni fa, mi ha scritto anche il padre della mia fidanzata, chiedendomi se fosse il caso di farla tornare temporaneamente in Italia (viviamo a Singapore).
Ma vi sembra normale?

I disastri, e l’allarmismo, fanno vendere più copie, e fanno aumentare il traffico online… Semplice e banale motivo per cui la stampa, non solo quella italiana, cavalca questa onda nefasta e ne sfrutta l’impatto emotivo. Ripeto, “non solo quella italiana”… Anche se quella italiana è particolarmente viscida e schifosa.

Questo non è giornalismo, miei cari. E mi dispiace per i giornalisti onesti e corretti, ma la categoria tutta non ci fa una gran figura…

P.s. leggetevi questo post di Keplero, che mi sembra il più equilibrato e completo che io abbia trovato in giro, in italiano.

2 pensieri su “E questo lo chiamate giornalismo?

  1. massimo

    Tra qualche settimana i viscidi giornali italiani si occuperanno di qualcos’altro di viscido, e lo stesso dovrà fare il Giappone suo malgrado.
    Al di la degli aspetti emotivi, dei quali non vedo nulla di male, c’è sempre il problema delle scorie e a quanto pare nessuno ha la bacchetta magica.
    Poi immagino che le nuove centrali che verranno saranno più sicure di quelle costruite anni fa, ma gli anni passeranno anche per quelle nuove che divveranno vecchie, in eredità ai figli dei nostri figli.
    Quindi tante belle parole ma no grazie.

    Replica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>